• NasoDVino

Il robot sommelier

Anno 2025. Il robot sommelier è fra noi...

http://www.intravino.com/primo-piano/intelligenza-artificiale-il-robot-assaggiatore-fa-ridere-ma-gli-manca-il-lato-b/

E' infallibile.

Riesce a decifrare ogni vino, a identificare ogni profumo, aroma.

Analizzando le molecole può dire anche l'anno della vendemmia e di conseguenza attingere al suo data base per fornire indicazioni sull'annata.

Può dire anche quanti giorni è stato in barrique, non quanti anni, se il legno usato è Allier.

Sto solo ipotizzando un futuro molto prossimo, la cui tecnologia già in larga parte è a disposizione.

La domanda spontanea è: può un'intelligenza artificiale sostituire l'uomo, ad esempio nel mondo della degustazione del vino?

Per lo stesso motivo per cui non possiamo dare spiegazioni razionali a ciò che razionale non è, credo che esista un limite.

Il limite è dato dalla trasmissione e comunicazione di emozioni legate alla degustazione.

Degustare un vino non è solo sentirci dentro la confettura di amarene, piuttosto che la vaniglia, ma è comunicare le sensazioni che quel vino prima al naso e poi in bocca ti fa provare. E' conoscere le storie di vita vissuta che ci stanno dietro e dentro a quel vino e saperle trasmettere per emozionare. Per farle vivere e rivivere.

Bere un vino è un'esperienza sensoriale completa in quanto tramite i sensi stimola in modo diretto le emozioni.

E poi, è gioia e voglia, di condividerle in compagnia.

Ben venga la tecnologia che può essere di supporto, ma niente potrà sostituire la sensibilità umana.

Ovviamente sensibili, bisogna esserlo!

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Iscriviti per restare sempre aggiornato

About me:

Michele Nasoni
Via San Felice, 47
56048 Volterra (PI)
P.iva 01495440503
CF NSNMHL72S28M126X

Site Link

Home
Chi sono
Parole D-Vino

Contact info

tel. 347/7534214

email:

michele@sommelier-naso-d-vino.com

© 2016 Naso D-Vino. Michele Nasoni

  • Facebook
  • Instagram
  • YouTube