• NasoDVino

Fillossera 2.0?

Phaeomoniella chlamydospora

oppure Phaeoacremonium aleophilum. Sono i funghi responsabili del mal dell'esca. Durante varie visite alle vigne è venuto fuori questo nome, che per chi fa vino è un vero e proprio flagello. Dopo la fillossera di fine '800 è la volta di questo fungo che attacca la vite (in certi casi si parla del 10% all'anno delle viti impiantate) quindi di percentuali importanti. Nel Chianti, viene anche chiamato mal del sasso, perchè una pratica per contrastarlo è di spaccare il legno della vite con uno scalpello e inserirci un sasso e sperare che l'ossigenazione possa far morire questo fungo. E' evidente che si tratta di una pratica molto invasiva, un pò come una chemio per trattare un tumore, e che non da nemmeno un esito positivo nella maggioranza dei casi. Ad oggi non esistono vere e proprie cure, l'arsenito di sodio efficace, in Italia almeno, è stato ritirato dal commercio perchè tossico per l'uomo, e quindi non resta che rimpiazzare di anno in anno le piante colpite. Qualcuno di voi conosce realtà che ne sono immuni? Non tutti quelli che producono vino ne parlano volentieri...

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Iscriviti per restare sempre aggiornato

About me:

Michele Nasoni
Via San Felice, 47
56048 Volterra (PI)
P.iva 01495440503
CF NSNMHL72S28M126X

Site Link

Home
Chi sono
Parole D-Vino

Contact info

tel. 347/7534214

email:

michele@sommelier-naso-d-vino.com

© 2016 Naso D-Vino. Michele Nasoni

  • Facebook
  • Instagram
  • YouTube