• NasoDVino

Vino fai da te!


Vino fai da te, forse ci siamo.


O quanto meno l'invenzione di due fratelli Elagir di Loazzolo sembra essere decisamente un passo avanti nell'automazione per quanto riguarda la produzione di vino, intanto quello bianco.

I due fratelli hanno creato uno speciale serbatoio meccanizzato nel quale una volta immessa l'uva spremuta dobbiamo solo attendere i tempi necessari di fermetazione e avremo del buon vino da imbottigliare.

Già, ho detto buon vino, in quanto non c'è nessun altro passaggio intermedio, nessun travaso e soprattutto niente additivi (solfiti), il che si traduce in un vino più naturale e che conserva meglio il suo spettro aromatico.

Il tutto riducendo anche il tempo di lavorazione e gli imgombri di altri macchinari e contenitori.

La sperimentazione è avvenuta con uve Sauvignon Blanc e Cortese ed è stata fatta comparando tale metodologia di produzione con la più classica tradizionale ed i risultati sono stati a dir poco stupefacenti.

Il vino ottenuto con questo metodo, non uscendo mai dai contenitori, in quanto non viene mai travasato, non viene mai a contatto con l'ossigeno e quindi non disperde inutilmente aromi e non si ossida.

Non vedo l'ora di assaggiarlo , intanto, stanno sviluppando anche una macchina con le pareti di legno per affinare i vini rossi: «che non solo non conterranno solfiti, ma che, assicurano, manterranno inalterati ancora di più i loro livelli aromatici».

Chissà cosa uscirà fuori!

#vino #invenzione #scienza #solfiti #fermentazione

0 visualizzazioni

© 2016 Naso D-Vino. Michele Nasoni