top of page
  • Immagine del redattoreNasoDVino

La ballerina di Borgo Tollena

La ballerina di Borgo Tollena.

Perchè ballerina si nasce o si diventa?


Semplicemente e umilmente quando non conosco, chiedo!


A volte non capire una cosa per ignoranza, perché mancano le basi e le conoscenze a riguardo è un vantaggio perché ti consente senza nessun filtro razionale di accettarla per come è. Di sentirla a livello profondo, di viverla nella sua essenza.


Insomma quando non sai dare risposta ai perché, ti apri e ti concedi al mondo delle sensazioni che inevitabilmente bussano alla porta delle emozioni.


E quando bussano che fai non vai ad aprire?


Piedi resi duri dal costante lavoro e contorti come profonde radici che giorno per giorno, incessantemente e resilientemente, in silenzio e all'oscuro, hanno scavato alla ricerca di acqua e nutrienti sapendo benissimo che non saranno mai alla ribalta, mai nemmeno notati o ammirati eppure sanno e sono coscienti di essere l'unico vero contatto con madre terra. Anche, e soprattutto, per aspirare al cielo, abbiamo bisogno di nutrimento ed energia.


Gambe tese, scolpite e slanciate. Marmoree eppur flessibili. Rocciose sebbene elastiche. Vento, pioggia e sole. Freddo e caldo. Tenaci nel tenere posizioni di equilibri immaginari e pronte a generare balzi e salti e piroette di eleganza sublime. Le forze della natura le hanno così scolpite e create, non a caso, non per puro e mero piacere edonistico, ma per sostenere, educare e concedere a busto e braccia entusiasmo, fervore e passione nella eterna ricerca verso gotici verticalismi.


Braccia esili, affusolate e lunghe fatte per abbracciare e abbracciarsi, tendersi verso il mondo, comunicare emozioni, accogliere, donare e ricevere. Talvolta invisibili raccolte lungo il corpo come a cercare calore e affetto durante una giornata sferzata dalla gelida tramontana invernale, introverse e chiuse. Altre invece, come baciate dal primo sole di primavera, eccitate ed estroverse, colorate e agitate, aperte ed euforiche, funamboliche e imprevedibili alla ricerca della luce, della vita, di una meta, di un premio, di una ricompensa.


Di bionde ciocche d'oro.


Succulenti grappoli di Vernaccia di San Gimignano, pronti a diventare vino.

A Borgo Tollena, il cuore pulsante, la vera essenza della Vernaccia di San Gimignano è questa.


Declinata nelle varie tipologie.


Lunario è la Vernaccia d'annata, la "bimba" alla sbarra che si esercita, osserva ed esegue, cerca la perfezione dei gesti, è piena di energie fresche, ha voglia di fare e di farsi notare anche se sa che la strada è ancora lunga, con il sorriso sulle labbra e tutta la sfrontatezza e leggerezza della gioventù sogna gli applausi dei palcoscenici più ambiti. Prendetela ed accettatela così come è, spontanea, pulita, fresca. Vibrante di giovinezza, sincera e immediata. Piacevole come una primavera. Profuma di primavera. Fragrante, croccante e succulenta come una mela appena colta dall'albero non ancora matura.

E se accettate un umile consiglio, si, questo è un consiglio da amico non un abbinamento da spocchioso sommelier, un carciofino fritto e un sorso di Lunario, un sorso di Lunario e un carciofino fritto, un altro carciofino fritto e altro sorso di Lunario... insomma andate avanti cosi, come direbbe un mio vecchio forse antenato Publio Ovidio Nasone; ad libitum!


La prima ballerina invece è proprio lei: Tollena


La vernaccia di San Gimignano ottenuta da una selezione delle uve migliori nel vigneto migliore.


Mettiti comodo seduto e goditi lo spettacolo. Stappala.


Musica d'introduzione, morbida e sfumata, arriva lei in punta di piedi. Elegante e soave, leggera. Non riesci quasi a sentirla, inizialmente quasi solo la vedi, ma il cuore inizia a batterti perché capisci subito che stai per assistere ad uno spettacolo meraviglioso. Unico. E' un'escalation graduale e incessante di ritmo, movimenti, profumi e sapori. La mela è diventata matura, dolce e morbida. Lenta. E poi all'improvviso "pliè", "jetè" et "grand jetè". Mimosa e tarassaco, erba fresca appena tagliata e yerba buena, zafferano, mandorle. Veloce ed elegante. Il ritmo incalza, aumenta, esplode.


Tutti in piedi, standing ovation. Bis! Bis! Bis!


Sempre da amico, cannelloni al forno ripieni di ricotta e spinaci con besciamella allo zafferano e scaglie di mandorle sopra.


E adesso cosa vuoi più di una prima ballerina?


La solista! La solista a Borgo Tollena è Signorina Vittoria. La riserva.

Così come non si può paragonare le divine Anna Pavlova e Maya Plisetskaya, la “pasionaria” Alicia Alonso, la regale Margot Fonteyn e la romantica Carla Fracci così ogni annata ha le sue caratteristiche, il suo stile, il suo modo di esprimersi e di regalare emozioni.


Democraticamente e "senzadubbiamente" vi parlerò della mia preferita la "indomita" 2011.


Spudorata e sfrenata, oscenamente esplicita. Si mostra subito nella sua intimità senza paura alcuna di risultare esagerata. E' esuberante. Piacevolmente esuberante. Focosa, cerca subito un contatto sensoriale intimo e privato. Te e Lei. Se hai bisogno di approcci timidi e lenti, beh di sicuro ti intimorisce, ma se invece ti lasci sedurre il paradiso può attendere.


Selvaggia e ribelle gli anni passati l'hanno resa ancor più consapevole e intrepida, impavida, ma non è mai irruenta o invadente, la sua forza è nella sua eleganza e la sua eleganza è nella sua forza.


Ti seduce delicatamente con miele e spezie dolci, ti stuzzica poi con intriganti note tostate e pietra focaia per poi conquistarti lussuriosamente e irreversibilmente con sensazioni di salmastro, di mare, di alghe, di scoglio. E' inesauribile nel concedersi totalmente in bocca alternando sensazioni calde e piene a freschezza e sapidità.


Da amico, è il momento di un' esperienza forte, con un riccio fresco appena pescato, così senza niente.


Da sommelier, dopo una bella giornata al mare con la pelle ancora calda dal sole i capelli spettinati e gli occhi e il cuore aperti verso il tramonto, con un bel piatto di linguine al riccio trova il suo piacere definitivo e assoluto.


E allora...


"...balla balla ballerina,

tutta la notte e la mattina,

non fermarti..." L. Dalla


Dedicata a Barbara, la bolognese di Borgo Tollena!

Top 5 Tags:

#borgotollena

#vernacciadisangimignano

#ballerina


Grazie a:


Con la partecipazione di:


Fonti:


Video YouTube:

Post recenti

Mostra tutti

94 Comments


Guest
Jul 26, 2022

Bravo Michele! Vai forte... continua così e credici sempre...

Lisa

Like

Guest
Jul 17, 2022

Complimenti...i tuoi articoli sempre interessanti e coinvolgenti....non resta che assaporare questi vini 🤗

Like
NasoDVino
NasoDVino
Jul 17, 2022
Replying to

Grazie… mi fa molto piacere! 👃🍷

Like

tere8276
Jul 16, 2022

Complimenti Michele riesci sempre a stupire con i tuoi articoli così raffinati , intriganti , passionali … il vino e i lettori ringraziano 😉🔝 non rimane altro che gustarla accompagnata da una buona fritturina in una calda sera d’estate … in punta di piedi 😜👏👏

Like
NasoDVino
NasoDVino
Jul 16, 2022
Replying to

Grazie Tere, mi fa piacere sapere che hai gradito! 👃🍷

Like

Cristina Santini
Cristina Santini
Jul 15, 2022

Che metafora ragazzo 😍 mi hai fatto venir voglia di ballare con il calice in mano!!! Ottima descrizione, sicuramente, e visto che sono un po' indietro con la Vernaccia, proverò i vini di questa Cantina. Grazie!!!!

Like
Cristina Santini
Cristina Santini
Jul 17, 2022
Replying to

Mi piacerebbe moltissimo! Ti farò sapere....un abbraccio e calici su 🥂

Like

gaia.capitani
Jul 15, 2022

Da ex ballerina non posso che apprezzare la metafora ed essere incuriosita da questi vini! Grazie

Like
NasoDVino
NasoDVino
Jul 15, 2022
Replying to

Che bello leggerti nei commenti Gaia 👃🍷

Like
bottom of page